BLOCCATO IL RE DELLO SPAM

E-mail Stampa PDF

Spam!A chi non è mai capitato di ricevere nella posta elettronica almeno un messaggio di spam? Riceviamo tutti quotidianamente offerte commerciali, proposte di acquisto o vendita di materiale pornografico o illegale, come software pirata e farmaci senza prescrizione medica. Un terzo dello spam che circola in rete (parliamo di più di 10 miliardi di mail spazzatura inviate in un giorno!) proviene da un unica persona, il neozelandese Lance Atkinson, e da un unico gruppo da lui capeggiato: HerbalKing.

Il modus operandi. La forza del gruppo è stata quella di creare una fitta rete di inconsapevoli alleati, circa 35.000 computer zombie, sparsi tra Nuova Zelanda, India, Cina e Stati Uniti, che dopo essere stati infettati da malware, creato dagli stessi hacker tramite un software molto potente, hanno cominciato a loro volta ad inviare spam. E non è facile rintracciare i responsabili poichè tali reti di computer, chiamati comunemente botnet, si attivano per pochi secondi e scompaiono nel web dopo aver inviato il loro carico di messaggi spazzatura. Grazie ad una rete così ramificata, infrangendo una discreta quantità di leggi, a partire dal Can-Spam Act approvato negli stati Uniti nel 2003, Lance avrebbe incassato diversi milioni di dollari derivanti dalle commissioni sulla vendita delle merci pubblicizzate nelle sue mail.

Individuato e fermato
. Si è occupata del caso la Federal Trade Commission (agenzia indipendente del governo degli Stati Uniti che si occupa della protezione del consumatore), che tramite accurate investigazioni e l’aiuto degli stessi utenti, è riuscita a scoprire il losco affare, congelando i beni della HerbalKing e bloccando il re delle mail spazzatura.

La lotta continua. Nonostante il successo dell’operazione di polizia, il flusso di spam all’interno della grande rete non sembra aver subito una flessione significativa, a causa probabilmente dell’elevata automatizzazione insita nel fenomeno, che permette il rapido passaggio di consegne ad altri gruppi coinvolti nella medesima attività. L’unico modo per combattere il fenomeno alla radice consiste nel tenere sotto costante controllo i propri computer, evitando che codice dannoso li possa trasformare in inconsapevoli distributori di spam.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 26 Novembre 2008 20:21 )  

Menu Principale

Avvisi

INIZIO LEZIONI AA 2009/2010

Il calendario è consultabile qui sotto e sul portale di facoltà.

genuawifi  GenuaWifi: il servizio wireless dell'ateneo.