Intel Core i7: crisi? Non mi riguarda!

Lunedì 16 Febbraio 2009 15:45 Leonardo Magalhaes Firmino
Stampa

Intel Core i7

 

 L'Intel ha presentato il 17 novembre l'atteso microprocessore Nehalem, formalmente chiamato Intel Core i7. Il componente arriva sul mercato quando la "Silcon Valley" sembra andare verso la peggior crisi dopo il collasso della bolla di Internet, nel 2000.


Secondo l'Intel, i PC dotati di Core i7 saranno particolarmente veloci nella manipolazione di foto e video. L'Advanced Micro Devices (AMD) ha montato tali sistemi con un componente chiamato “controllore di memoria”, che rallenta l'elaborazione dei dati in memoria. L'Intel invece, ha avuto l'idea di mettere il componente in un chip separato, migliorandone le prestazioni.

Altre innovazioni: l'azienda ha adottato un approccio insolito in materia di progettazione: ha installato il software per amministrare l'accumulo di energia in un componente chiamato “microcontrollore”, come spiega Glenn Hilton designer a capo del progetto. Inoltre, Core i7 è dottato di un controllore di memoria, come il sistema Opteron dell'AMD, e tre canali di comunicazione ad alta velocità. Gli specialisti della Dow Jones stimano che le innovazioni permetteranno di oltrepassare il doppio della velocità di elaborazione, rispetto ai predecessori del Nehalem.

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 22 Giugno 2009 14:29 )